Perché Bitcoin, XRP e Dogecoin sono appena scesi – mentre Ethereum è schizzato

Il contenuto di una nuova legge sulle infrastrutture propone di restringere i requisiti di segnalazione per le criptovalute di modo da renderle più facili da tassare.

Il Senato degli Stati Uniti vuole emendare la legge per escludere i miners di criptovalute, gli sviluppatori di software e altri, dall’adempiere ai requisiti di segnalazione previsti per i “broker”.

Ma la Casa Bianca, preoccupata che questo possa ridurre le entrate fiscali che l’IRS raccoglie, si oppone agli emendamenti.

Siamo a giovedì e la maggior parte dei prezzi delle criptovalute sono ancora in calo – e questo è piuttosto strano.

A partire dalle 10 del mattino, ecco i cambi dei i prezzi delle criptovalute nelle ultime 24 ore:

XRP (CRYPTO:XRP) — piatto (anche se la criptovaluta che gira su RippleNet era giù da un po’ prima).

Dogecoin (CRYPTO:DOGE) — giù dell’1,6%.

Bitcoin (CRYPTO:BTC) sta facendo peggio di tutti – giù del 2,8%.

Una notevole eccezione al mercato delle criptovalute in declino di oggi è Ethereum (CRYPTO:ETH), il cui prezzo è in crescita del 2,9%. Eppure… le notizie per gli investitori di criptovalute in generale oggi sono in realtà piuttosto buone.

Come ricorderete, nel Senato degli Stati Uniti, i legislatori hanno recentemente aggiunto una disposizione a una legge sulle infrastrutture da 1.000 miliardi di dollari che richiede ai “broker” di informare l’IRS delle transazioni di criptovalute, in modo che il governo possa tassarle (quindi potenzialmente raccogliendo 28 miliardi di dollari per pagare le nuove infrastrutture). I partecipanti al mercato delle criptovalute hanno obiettato che la definizione di broker usata nel disegno di legge è troppo ampia e potrebbe tecnicamente richiedere a tutti, dagli scambi ufficiali di criptovalute fino ai semplici miners di criptovalute – e persino agli sviluppatori di software blockchain – di segnalare le loro transazioni all’IRS.

Per chiarire questa confusione, una manciata di senatori ha ripreso in mano la questione. Come riporta Politico, il presidente della commissione finanziaria democratica Ron Wyden dell’Oregon si è unito a due repubblicani, Pat Toomey della Pennsylvania e Cynthia Lummis del Wyoming, in uno sforzo bipartisan per risolvere il problema restringendo la definizione di chi si qualifica come broker ai fini della legge. Se ottengono il loro obiettivo, solo gli effettivi “intermediari finanziari” soddisferanno la definizione. Miners di criptovalute, sviluppatori di software e validatori di transazioni saranno specificamente esclusi dalla definizione.

Fin qui, tutto bene – ma ecco il punto: la Casa Bianca non sembra voler restringere la definizione. E la ragione è semplice: più stretta è la definizione, spiega Politico, meno possibilità ha l’IRS di raccogliere tutti i suoi desiderati 28 miliardi di dollari dal mercato delle criptovalute.

Ecco dove sta il problema. Una delle forze trainanti della nuova legge sulle infrastrutture – la Casa Bianca – è preoccupata che se la definizione di broker venisse ristretta, potrebbe significare meno tasse per pagare le infrastrutture, che era l’intera ragione per mettere i requisiti di segnalazione delle criptovalute in una legge sulle infrastrutture in primo luogo! E, di conseguenza, anche il supporto bipartisan per fissare la definizione potrebbe non essere sufficiente.

Ora, la buona notizia è che questa controversia potrebbe ancora essere accantonata. Il leader della maggioranza al Senato Chuck Schumer sta spingendo per ottenere la legge sulle infrastrutture finalizzata entro la fine di questa settimana. Nel frattempo, tuttavia, c’è ancora spazio per l’incertezza su come verrà estesa la definizione.

Ultima nota crittografica del giorno: una criptovaluta in particolare – Ethereum – sta sfidando la flessione di oggi e si sta dirigendo verso l’alto. E la ragione di ciò è che oggi Ethereum ha ricevuto delle buone notizie. Come riporta la CNBC questa mattina, Ethereum ha appena attivato un nuovo software che, tra le altre cose, promette di rendere le commissioni delle transazioni per questa specifica criptovaluta “più prevedibili”, impostando automaticamente i prezzi per le nuove monete “in base alla domanda complessiva della rete” (al contrario di richiedere agli utenti di fare offerte per le monete in un’asta).

Secondo la CNBC, questo cambiamento – soprannominato “London Hard Fork” – agirà come una “copertura contro il mercato in crollo, totalmente fuori controllo”, rendendo i prezzi più stabili e, si spera, risultando in meno giorni di calo dei prezzi per la criptovaluta Ethereum.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *