Perché Bitcoin, Ethereum e Shiba Inu sono in calo al momento

I dati sull’inflazione di oggi hanno spiazzato gli investitori.

I nuovi dati sull’inflazione hanno rivelato che i prezzi al consumo sono stati più alti del previsto nel mese di agosto, causando un calo delle criptovalute e delle azioni. Al momento in cui scriviamo, il Dow Jones Industrial Average ha perso circa 719 punti.

Dalle 10:24 il Bitcoin (BTC -9,20%), la più grande criptovaluta al mondo, ha registrato un calo del 5,6% nelle 24 ore precedenti, attestandosi a circa 21.330 dollari. Ethereum (ETH -7,32%), la seconda criptovaluta più grande al mondo, è in calo dell’8,8% circa, mentre il prezzo della moneta meme Shiba Inu (SHIB -5,62%) è sceso del 7% circa.

Nelle prime ore di questa mattina, il Bureau of Labor Statistics (BLS) ha pubblicato i dati relativi all’indice dei prezzi al consumo (CPI) degli Stati Uniti per il mese di agosto. Il CPI analizza i prezzi di un paniere di beni e servizi di consumo tipici. Il CPI è una delle misure utilizzate dagli investitori per valutare l’inflazione.

Ad agosto, l’indice dei prezzi al consumo è aumentato dello 0,1% rispetto a luglio e dell’8,3% rispetto all’agosto 2021. Si tratta di un miglioramento rispetto a luglio, quando l’IPC era aumentato dell’8,5% rispetto all’anno precedente, anche se l’IPC è rimasto stabile da giugno a luglio.

Inoltre, il CPI è stato superiore a quanto previsto dagli economisti. È praticamente certo che la Federal Reserve aumenterà il tasso dei fondi federali di 0,75 punti percentuali durante la riunione di fine mese. In risposta alle notizie sull’IPC, i tassi dei Treasury sono saliti.

Ad agosto, l’IPC dell’energia è diminuito del 5%, guidato da un calo del 10,6% del prezzo della benzina. Al contrario, i costi di alloggio, cure mediche, nuovi veicoli e pasti fuori casa hanno continuato a salire rapidamente.

Matt Peron, direttore della ricerca di Janus Henderson Investors, ha dichiarato che il rapporto sull’IPC “allontana qualsiasi “svolta della Fed” che i mercati speravano di vedere nel prossimo futuro. Come abbiamo avvertito negli ultimi mesi, non siamo ancora fuori pericolo e manterremo un atteggiamento difensivo con allocazioni azionarie e settoriali”.

Quest’anno i mercati sono stati colpiti da un’inflazione elevata, che ha spinto la Federal Reserve ad aumentare rapidamente i tassi di interesse. Dopo i dati sull’IPC di luglio, che hanno superato le aspettative, molti ritenevano che l’inflazione avesse raggiunto il suo picco e stesse diminuendo. Anche se non credo che questi dati smentiscano completamente questa premessa, indicano che potrebbe essere necessario più tempo del previsto per ridurre l’inflazione.

L’aumento dei tassi di interesse è stato particolarmente difficile per il mercato delle criptovalute nel 2021, che ha visto una corsa enorme. Quando i tassi di interesse aumentano, aumentano anche i rendimenti degli asset più sicuri, come i titoli di stato americani.

Titoli del Tesoro. Questo rende meno attraente l’investimento in attività rischiose come le criptovalute. Inoltre, le criptovalute sono difficili da valutare e molto volatili, quindi più a lungo la Fed dovrà aumentare i tassi, più sarà difficile per il mercato delle criptovalute riprendersi.

Dato il calo dei costi dei consumi e dell’energia nel mese di agosto, mi aspettavo un dato CPI più favorevole oggi. Anche se l’inflazione non sta aumentando così rapidamente come vorrebbe il mercato, sembra che si stia dirigendo in una direzione generalmente positiva.

Gli affitti rimangono ostinatamente alti, il che potrebbe rappresentare un problema per l’inflazione e prolungarla perché possono rappresentare un onere significativo per i consumatori e consumare una parte significativa del loro reddito.

In definitiva, continuo a preferire Bitcoin ed Ethereum nel lungo periodo, soprattutto perché Ethereum sta per subire il “Merge”, che potrebbe migliorare notevolmente la rete. Continuo a evitare Shiba Inu, almeno fino a quando non verranno implementate modifiche più serie al protocollo.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.