Perché Bitcoin, Dogecoin ed Ethereum oggi sono scesi

Cosa è successo

I prezzi delle criptovalute sono scesi bruscamente mercoledì, con Bitcoin (CRYPTO:BTC) in calo del 2% nelle ultime 24 ore, secondo i dati di Coindesk. Alle 10:15 EDT, gli investitori di Ethereum (CRYPTO:ETH) stanno subendo un calo del 4,9%, mentre quelli di Dogecoin (CRYPTO:DOGE) stanno soffrendo più di tutti – con la moneta in calo del 9,6%.

La domanda è: perché?

I titoli di oggi contengono un paio di note che potrebbero preoccupare gli investitori di criptovalute. Da un lato, il presidente della Federal Reserve di Minneapolis, Neel Kashkari, è appena andato al Pacific Northwest Economic Regional Annual Summit a Big Sky, Montana, facendo esplodere l’intera industria delle criptovalute con affermazioni come “[le criptovalute sono al] 95% frode, confusione, rumore e confusione”. Ha continuato ad etichettare le criptovalute come “monete spazzatura” e “schemi di Ponzi”, e ha avvertito gli investitori che le criptovalute mirano a “ingannare le persone a investire denaro e poi i fondatori li fregano”.

(Cavolo, signor Kashkari, non indori la pillola, ci dica cosa pensa veramente!).

Forse peggio, sostiene il capo della Federal Reserve regionale, “non ho visto alcun caso d’uso [per Bitcoin e criptovalute simili] a parte il finanziamento di attività illecite come la droga e la prostituzione”. E se pensate che commenti come questo possano attirare l’attenzione delle forze dell’ordine federali, avete ragione.

Come Politico ha riportato ieri: “I legislatori federali stanno perseguendo le start-up di criptovalute in tribunale. […] Solo nell’ultimo mese, la Securities and Exchange Commission, la Commodity Futures Trading Commission e il Dipartimento del Tesoro hanno annunciato più di 120 milioni di dollari di sanzioni contro gli scambi di valuta digitale e altri fornitori di servizi che, secondo i funzionari, non erano conformi ai regolamenti federali sui mercati e ai requisiti antiriciclaggio”.

Né l’azione è limitata al livello federale, tanto che Politico sottolinea che “diversi Stati hanno anche intensificato il loro giro di vite sull’applicazione delle criptovalute questa estate”.

Ora, gli investitori potrebbero essere inclini a respingere i commenti di Kashkari come i deliri infelici di un burocrate focalizzato sul dollaro che non possiede i poteri di, diciamo, la SEC, per imporre unilateralmente regolamenti sulle valute virtuali. La marea crescente di azioni esecutive sia a livello federale che statale, tuttavia, suggerisce che il governo è davvero preoccupato per gli abusi che riguardano l’industria delle criptovalute, e sta iniziando a prendere provvedimenti per tenerli a freno.

Considerate anche i commenti del presidente della SEC Gary Gensler – che ha poteri esecutivi – il quale ha fatto esplodere l’industria delle criptovalute per le sue frasi contenti parole come “frodi, truffe e abusi” all’inizio di questo mese. Quel linguaggio era stranamente simile ai sentimenti che Kashkari ha espresso ieri, suggerendo che c’è un consenso che si sta formando nel governo: l’industria delle criptovalute richiede una regolamentazione.

Se questo ha reso gli investitori di criptovalute solo un po’ nervosi questa mattina, non posso dire che li biasimo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *