Due motivi per cui Bitcoin oggi è in calo

In qualità di più grande criptovaluta del mondo per capitalizzazione di mercato, e per essere il token più influente nel mercato delle criptovalute, Bitcoin (CRYPTO:BTC) continua a generare una quantità enorme di attenzione. La direzione in cui questo token si muove in un dato giorno spesso stabilisce il tono per l’intero mercato. Questo sembra essere il caso di oggi.

A mezzogiorno ET, Bitcoin è sceso dell’1,5% nelle ultime 24 ore. Questo suo movimento verso il basso è coinciso con un calo complessivo del mercato del 2,7% nel medesimo arco di tempo. Mentre Bitcoin ha visto cali minori oggi rispetto a molte delle altcoins a più alto rischio, gli investitori oggi sembrano puntare ai volumi di trading e ad una concentrazione relativamente alta di Bitcoin detenuti da pochi individui come ragioni per essere cauti.

Il volume è una metrica interessante da seguire, sia nel mercato delle criptovalute che nel mercato azionario. Gli investitori e i traders tendono a voler sapere cosa sta guidando i vari movimenti, e il volume può fornire alcune informazioni sull’azione dei prezzi a breve termine di un dato bene. Nel caso del Bitcoin, vari sell-off significativi negli ultimi anni sono stati legati alla vendita di massa. La buona notizia è che quest’anno non abbiamo visto un picco di volume significativo che sia coinciso con un calo importante. Tuttavia, se i volumi dovessero aumentare e questo sell-off continuare, un movimento guidato dallo slancio verso il basso potrebbe incitare più vendite di quanto i bulls di Bitcoin vorrebbero vedere.

Inoltre, un rapporto del National Bureau of Economic Research riporta che alcuni investitori oggi siano in ansia. Questo rapporto suggerisce che una frazione molto piccola (lo 0,01%) di tutti i possessori di Bitcoin, controlla il 27% della fornitura di questa criptovaluta top. La proprietà concentrata di qualsiasi bene fornisce un rischio maggiore per coloro che detengono quote più piccole. Nel caso delle criptovalute, questi rischi sono amplificati, poiché è impossibile sapere con certezza chi possiede questi tokens, e quali sono le loro intenzioni riguardo alla detenzione di questi tokens a lungo termine.

Vale la pena notare che Bitcoin è ancora significativamente in crescita su base annua. Questo token è aumentato di circa il 60% dall’inizio dell’anno, superando i rendimenti del mercato azionario e fornendo agli investitori una ipotesi di diversificazione tangibile per possedere questo token.

Detto questo, è chiaro che gli investitori di tutti i tipi stanno cercando di evitare oggi il rischio per i loro portafogli. Data la volatilità intrinseca che si è manifestata con Bitcoin negli ultimi dieci anni, gli investitori potrebbero cercare di ridurre l’esposizione ad attività ad alto rischio, e concentrarsi sull’aggiunta di un’esposizione più pesante ad attività più difensive.

Il rapporto di oggi sulla concentrazione relativamente alta della proprietà di Bitcoin, insieme a varie preoccupazioni legate al volume, sembrano tenere gli investitori sul filo del rasoio. Forse queste preoccupazioni si dissiperanno nel lungo termine, man mano che la base di investitori di Bitcoin si allargherà e il mercato delle criptovalute continuerà a maturare. Tuttavia, nel breve termine, sembra che una maggiore volatilità potrebbe essere all’orizzonte per Bitcoin e altri tokens.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.