Due criptovalute che potrebbero sminuire lo Shiba Inu

Queste due criptovalute hanno obiettivi a lungo termine e applicazioni pratiche.

In un breve periodo di tempo, la criptovaluta Shiba Inu (SHIB 1,62%) ha registrato un notevole progresso. Quella che due anni fa era nata come una vera e propria barzelletta ha subito un’impennata nel 2021 e molti investitori prevedono grandi rendimenti futuri.

Il tipico possessore di Shiba Inu prevede che il prezzo della moneta raddoppierà nel 2023 e triplicherà nel 2025, secondo una previsione di prezzo della borsa di criptovalute Changelly basata sull’esame delle conversazioni sui social media.

Non sono qui per giudicare la veridicità delle previsioni di Changelly sul prezzo di Shiba Inu, ma ci sono numerose criptovalute sul mercato che dovrebbero fare ancora meglio nei prossimi due anni.

Oggi mi piacciono molto Algorand (ALGO 1,68%) e Polkadot (DOT -1,03%). Esaminiamo nel dettaglio questi investimenti in criptovalute di alta qualità per capire se sono adatti al tuo portafoglio.

Algorand: Come Ethereum sotto steroidi

Simile a Ethereum, Algorand è una piattaforma di contratti intelligenti per applicazioni decentralizzate. Questa rete blockchain è stata sviluppata tenendo conto dei costi e della velocità delle transazioni.

Attualmente, i costi di transazione di Algorand si aggirano intorno a 0,0004 dollari per transazione, rispetto al prezzo mediano di transazione di Ethereum di 0,70 dollari.

Questa settimana, la rete ha completato una media di 1.100.000 transazioni al giorno, superando la media giornaliera di Ethereum di 330.000 transazioni.

E questo si basa sulla nuova e migliore struttura di Ethereum, non sulla forma più lenta e costosa che era in uso prima della fusione del 15 settembre.

Nonostante i numerosi vantaggi di Algorand, Ethereum ha conquistato una comunità di sviluppatori di gran lunga superiore. Il tempo è una componente essenziale in questo caso.

Ethereum esiste dal 2015 e la prima transazione di Algorand è avvenuta nel 2019, il che rende la piattaforma Ethereum quasi due volte più vecchia del concorrente più giovane.

Tuttavia, Algorand sta sviluppando attivamente un protocollo ponte che permetterà alla sua piattaforma di essere completamente interoperabile con la programmazione di Ethereum.

Questo strumento non eliminerà il vantaggio di Ethereum, ma fornirà agli sviluppatori di app un’altra opzione di piattaforma che potrà essere adottata con un minimo di lavoro di codifica, permettendo ai due sistemi di competere su un piano di parità.

Inoltre, Ethereum ha appena ridotto il suo impatto sulle emissioni di carbonio del 99,5%, ma Algorand è stato progettato per essere a emissioni zero. Questo è un fattore di vendita importante per i progetti che considerano attentamente il loro impatto ambientale.

Inoltre, Algorand non ha bisogno di superare Ethereum per essere un investimento redditizio. Il suo attuale valore di mercato è di circa 2,7 miliardi di dollari, che è un errore di arrotondamento rispetto ai 163 miliardi di dollari di Ethereum.

Se Algorand riuscisse a raccogliere un decimo dell’attenzione di Ethereum nel corso del tempo, dovrebbe superare Ethereum di sei volte. Questa prospettiva in crescita è molto più interessante dell’uso limitato dello Shiba Inu.

Polkadot è il componente essenziale del rinnovamento del Web 3.0

La rete blockchain Polkadot si avvicina ai contratti intelligenti e alle transazioni digitali in modo diverso. Invece di cercare di eccellere in uno o più di questi servizi, Polkadot è stata creata per collegare altre iniziative crittografiche.

In questo modo, uno sviluppatore di Polkadot può massimizzare i vantaggi di ogni moneta digitale, minimizzandone gli svantaggi.

Questa particolare architettura di rete è abbinata a una sofisticata ecologia. Attraverso la struttura stratificata di aste paracadute e crowdlending di Polkadot, la piattaforma fornisce agli innovatori e alle loro idee un sostegno finanziario diretto.

Se si considerano la storia e gli obiettivi della rete, la strategia rivoluzionaria di Polkadot ha senso. È stata fondata da Gavin Wood, co-fondatore di Ethereum, e dalla Web3 Foundation.

Web3 è una trasformazione radicale di Internet come la conosciamo e questa visione di un futuro basato sulla blockchain è stata costruita sulla rete Polkadot.

Accetto che il prezzo di Polkadot non raddoppi l’anno prossimo o quadruplichi entro il 2025, poiché il cambiamento del Web3.0 potrebbe richiedere alcuni anni. Il potenziale di sviluppo a lungo termine di Polkadot, tuttavia, è enorme in quanto componente chiave della prossima generazione di Internet.

Se Polkadot non varrà molte centinaia di miliardi di dollari tra dieci anni, rispetto al suo valore attuale di 7,4 miliardi di dollari, dovrò comprare un cappello e mangiarlo con un pizzico di basilico. Non posso dire lo stesso dello Shiba Inu, che prevedo si estinguerà col tempo.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.