Paura dell’inflazione: è un bene o un male per le criptovalute?

17Bitcoin è stato chiamato “oro digitale” e considerato la migliore copertura contro l’inflazione. Ma come se la caverà davvero, ora che è arrivata l’inflazione più alta? Chris MacDonald ed Eric Bleeker spiegano come pensano che Bitcoin possa essere influenzato dai recenti dati relativi all’inflazione.

Eric Bleeker: cominciamo con le paure causate dall’inflazione. Nello spazio delle criptovalute, il fatto che ci sia un’offerta fissa è un ottimo motivo per le persone di investire in Bitcoin. Non possiamo, tuttavia, ignorare l’inflazione. Penso che nel frattempo, Bitcoin si muoverà più in linea con altre classi di assets.

Se c’è un grande rischio, Bitcoin sarà probabilmente venduto, per qualsivoglia motivo. Ma nel lungo periodo, un qualcosa come un’inflazione persistentemente alta, è più a favore della tesi legata a Bitcoin.

Ho rivolto proprio questa domanda a qualcuno che sta all’interno dell’industria delle criptovalute: cosa notate quando vedete numeri come quello di oggi?

Chris MacDonald: penso che l’inflazione che stiamo osservando in questo momento è probabilmente un qualcosa di nettamente positivo per la crittografia.

Come hai detto tu, Bitcoin non è inflazionistico. È un token non inflazionistico. Parleremo più tardi di altri token che si adattano, invece, a questo profilo. Ma per Bitcoin in particolare, l’aumento dell’inflazione, l’aumento dei prezzi degli asset in generale, è una buona cosa.

Penso che ci sia in circolazione anche la tesi che Bitcoin sia l’oro digitale, o come viene chiamato al momento.

Se si assume che l’inflazione sarà persistente, e si assume inoltre che nel tempo questo porterà a rendimenti obbligazionari più alti e prezzi azionari più bassi – o almeno quelli dei beni di crescita altamente vulnerabili – allora lo spazio crypto, in particolare per Bitcoin o altri token non inflazionistici, sarà un luogo in cui questi beni potranno potenzialmente beneficiare di questo ambiente, rispetto, diciamo, a beni di crescita più grandi o più speculativi.

Questa è sicuramente una tesi che esiste al momento. Penso che ciò sia probabilmente uno dei motivi per cui il Bitcoin è in questo momento ai massimi di tutti i tempi, in realtà è passato, ed è piuttosto incredibile. Ci sono molti catalizzatori per il Bitcoin, ma l’inflazione è qualcosa che vogliamo sempre tenere d’occhio a livello macro.

Eric Bleeker: penso che le narrazioni siano davvero importanti.

Ho messo una delle statistiche che ho preso dalla pubblicazione sulla diapositiva: carne, pollame, pesce e uova sono aumentati dell’11,9% su base annua. Quando si tratta di quanti nuovi rapporti usciranno sull’aumento dei prezzi del tacchino il giorno del Ringraziamento, direi Sopra o Sotto.

Perché stiamo parlando di cose che sono molto visibili ai consumatori. Più si costruisce l’associazione che lo spettro dell’inflazione fa associare la gente al Bitcoin, più questo spingerà la domanda a lungo termine.

Chris MacDonald: penso che questo sia sicuramente un argomento che può essere adotto a suo favore. Come hai detto tu, il  costo di un tacchino per la festa del Ringraziamento, sarà qualcosa su cui tutti avranno gli occhi puntati. (ride) È lo stesso con il costo del Bitcoin in questo momento.

Eric Bleeker: bisogna anche notare che le persone che hanno guardato lo show hanno probabilmente sentito la parola “transitorio” nel contesto dell’inflazione.

Che le interruzioni della catena di approvvigionamento causano qualcosa di più – si sa che le auto usate sono richieste in parte a causa delle carenze di semiconduttori nell’industria automobilistica, e la carne e il pollame sono legati agli arretrati della catena di approvvigionamento. Sono sicuro che molte persone avranno visto che oltre 111 navi container sono bloccate fuori dal porto di Los Angeles.

Ci sono opinioni diverse su questo, e non è detto che i rendimenti siano ancora ostinatamente bassi nonostante questa situazione. C’è ancora molto dibattito su questo tema, il che è qualcosa di cui prendere nota.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *