Il mercato al ribasso delle criptovalute è finito?

Anche dopo aver mostrato segni di ripresa nelle ultime settimane, il prezzo delle due principali monete digitali, Bitcoin (CRYPTO:BTC) ed Ethereum (CRYPTO:ETH), è sceso quasi del 30% da maggio.

Nel frattempo, il volume di scambio di tutte le criptovalute è crollato di oltre il 40% a giugno, e il mese scorso ha raggiunto i minimi nell’intervallo di un anno.

Ma bisogna stare attenti, anche se le criptovalute sembrano nuovamente proiettate verso uno slancio positivo, le loro basi sembrano ancora preoccupanti e potrebbero peggiorare nel futuro prossimo. Di conseguenza, Bitcoin, Ethereum e altre criptovalute affronteranno rischi crescenti in futuro.

Il capolinea per le criptovalute in Cina

Per anni, gli investitori cinesi sono stati alcuni dei più grandi motori del bull market delle criptovalute. Ciò è dovuto ai severi controlli sul flusso di capitali in uscita imposti dal governo centrale.

Infatti, i cittadini sono autorizzati ad acquistare non più di 50.000 dollari di valute estere ogni anno, quindi spostare il denaro duramente guadagnato all’estero attraverso le criptovalute è diventato un gioco da ragazzi.

Questo ha gonfiato il valore di alcune monete, per via dell’offerta limitata. Ad esempio, supponiamo che il miliardario cinese della tecnologia Chen desidera trasferire 48 milioni di dollari alle Isole Cayman tramite una criptovaluta nota come send-me-now (SMN) coin.

Tuttavia, ci sono solo 100 monete SMN disponibili, quindi Chen deve prima pagare il prezzo di ogni moneta a 480.000 dollari per renderla una transazione unica. Si capisce come il prezzo delle criptovalute potrebbe salire frequentemente e improvvisamente in questo modo.

Ma al governo cinese non sembra sia piaciuta questa scappatoia. Recentemente, il partito comunista al potere ha vietato alle istituzioni finanziarie e alle entità aziendali di fare affari con gli investitori di criptovalute.

Inoltre, le province stanno iniziando a mettere fuori legge le operazioni di estrazione di criptovalute, usando come escamotage preoccupazioni di natura ambientale (a cui arriveremo fra poco).

È difficile per qualsiasi asset rimbalzare nel prezzo quando i suoi principali acquirenti sono stati banditi dal mercato, e la recente volatilità per i token non fungibili (NFT) ha solo aggiunto legna al fuoco.

Gli NFT non sono quello che sembrano

La logica dietro la montatura degli NFT è semplice: l’arte autentica e fisica è costosa. Gli NFT sono autentica arte digitale. Pertanto, anche gli NFT dovrebbero essere costosi (corollario: le monete NFT vanno alle stelle). Sfortunatamente, non è affatto così.

Le opere d’arte fisiche non sono costose solo perché le persone che le comprano sono intenditori che amano bere vino rosso mentre ammirano le loro collezioni. Gran parte della domanda in quel mondo è anche guidata dall’evasione fiscale (cioè la riduzione delle tasse attraverso mezzi legali).

Lo stratagemma funziona così. Supponiamo che un individuo con un alto patrimonio (HNWI) di nome Sarah acquisti un’opera d’arte da 5 milioni di dollari mediante un’asta e la spedisca direttamente in un porto franco – una zona economica designata dove i dazi doganali e le tasse non si applicano fino a quando un bene non lascia la zona – per evitare, legalmente, la tassa sulle vendite.

Cinque anni dopo, l’opera d’arte si apprezza fino a 25 milioni di dollari. Sarah assume un perito, che di solito ha un incentivo finanziario per gonfiare il valore dell’opera, per certificare il dipinto.

Poi lo dona a un’organizzazione non-profit e può rivendicare l’intero valore di mercato dell’opera al momento della certificazione (25 milioni di dollari) come deduzione dal suo reddito, di solito in pochi anni. Poiché gli HNWI fanno questo, il valore delle opere d’arte può anche diventare grossolanamente gonfiato.

Ma la domanda non è replicabile quando si tratta di NFT. Prima di tutto, la maggior parte delle organizzazioni non profit non accetta nemmeno le criptovalute. Inoltre, c’è molta confusione sulla classificazione degli NFT.

Supponiamo che l’Internal Revenue Service determini che l’NFT di Sarah sia un bene da collezione piuttosto che un bene capitale intangibile, allora per lei le cose saranno più complicate.

In questo caso, potrebbe solo dedurre la sua base di costo (5 milioni di dollari) per la sua donazione – risultando in una transazione ridondante. Fino a quando non ci sarà maggiore chiarezza su come sono normati nel codice fiscale, c’è poco valore intrinseco alle NFT basate sulla blockchain di Ethereum. Come nota a margine, è probabilmente nell’interesse dello zio Sam che rimanga così.

Nel frattempo, la loro utilità per i collezionisti di arte digitale è molto controversa. Gli acquirenti stanno ottenendo i diritti esclusivi di un oggetto, ma spesso ad un prezzo molto alto per qualcosa che si può trovare in tutto il web (ad esempio, un video di un giocatore di basket professionista). Di conseguenza, è improbabile che il mercato possa attrarre capitali significativi dagli investitori a lungo termine.

I regolamenti non sono stati messi al passo con altri possibili usi come nel settore immobiliare, quindi mentre gli NFT sono un modo innovativo per memorizzare qualcosa come un atto di proprietà, la pratica ha bisogno di una maggiore industria e approvazione normativa prima di decollare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *